Salvatore Viale (Bastia, 6 di settembre 178723 di nuvembre 1861) hè statu un scrittore, puetu è magistratu corsu. Hè cunsideratu cum'è l'autore di u prima testu litterariu in lingua corsa. U Sirinatu di Scappinu, chì si trova in u Cantu quartu di a Dionomachia di Salvatore Viale hè cunsideratu cum'è u prima testu di a litteratura corsa.

Cuntenutu

BiugrafiaMudificà

Salvatore Viale nasce in Bastia u 6 di settembre di u 1787 è more u 23 di nuvembre di u 1861. Hè u figliolu di Maria Nicolaia Prelà è di Paulu Agustinu Viale. À l'età di setti à dodici anni, hè educatu in e Ville di Petrabugnu, induve ellu ampara u latinu. Versu a fine di u 1803, cuntinueghja i so studii in Roma. Studieghja u dirittu, a lingua greca classica è a litteratura. U so babbu more in u 1805. In u 1808 si ne rientra in Corsica per sustene a so famiglia. In u 1809, riceve u so diploma d'avucatu in Pisa. In u 1812, cumencia à scrive u so puema A Dionomachia, ch'ellu finisce in u 1813. Participeghja dinù à a vita pulitica. L'11 d'aprile di u 1814, hè elettu da l'assemblea dopu à a rivolta pupulare, cum'è membru è sicritariu di u Cumitatu Superiore creatu in Bastia. In u 1815, ritorna à Roma. Participeghja quallà à a vita litteraria, fendu parte di l'accademia Tiberina.

Lisandru Colonna d'Istria, u procuratore generale di Bastia, u face numinà in 1816 à a Corte prevotale di Bastia. Vultendu in Bastia, Viale face publicà a Dionommachia in Livornu in u 1817.

Dopu esse elettu cum'è ghjudice d'istanza à u tribunale di Bastia in u 1823, face stampà a Dionommachia in Parigi. Tandu, participeghja dinù à a Sucietà centrale di struzzione publica di Corsica, in Bastia.

Salvatore Viale pò esse cunsideratu cum'è un di i primi autori d'un' antologia di a litteratura corsa. Hà cuntribuitu in particulare à a redazzione di I Canti Popolari Corsi di Niccolò Tommaseo. È hà scrittu a so propia racolta : Canti Popolari di Corsica, un' antologia di a litteratura corsa di l'epica chì cuntene numerosi nanni, voceri, sirinati è puesie di i primi autori corsi cum'è Guglielmu Guglielmi. U Serenatu di Scappinu ; in u Cantu quartu di a Dionomachia ; hè cunsideratu cum'è u primu testu di a litteratura in lingua corsa.

BibliografiaMudificà

 
Prima strufetta di u Sirinatu di Scappinu
  • Dei Principi delle Belle Lettere, Bastia, 1813 (II edizione 1843).
  • Dionomachia, Bastia, 1817.
  • Serenatu di Scappinu, in a Dionomachia: u prima testu litterariu in lingua corsa.
  • Poesie Giocose, Bastia, 1817.
  • Prose Giocose, Bastia è Parigi, 1828.
  • Prose serie, Bastia è Parigi, 1828.
  • Poesie serie, Bastia è Parigi, 1828.
  • Canzoni contadinesche in dialetto corso, Bastia
  • L'ultima vendetta, Bastia, 1837
  • Canti popolari corsi, Bastia, 1843.
  • La sposa d'Abido, saggio di versi italiani e di canti popolari corsi, Bastia e Bruxelles, 1843.
  • Dell'uso della lingua patria in Corsica (p. 25-37) in Archivio storico italiano
  • Novelle corse, Bastia è Trieste, 1846.
  • Sopra lo stile della versione poetica dell'Iliade di Melchiorre Cesarotti
  • Delle cagioni e degli effetti della moderna letteratura romanzesca, 1835
  • Canti popolari corsi, Fabiani, Bastia, 1855
  • Componimenti in versi e in prosa, Vieusseux, Firenze è Bastia, 1857
  • Dell'uso della lingua patria in Corsica, Vieusseux, Firenze, 1858 (sulla lingua italiana).
  • Dell'uso dei costumi corsi, Vieusseux, Firenze è Bastia, 1860.

ReferenzeMudificà

LigamiMudificà