Tuttu hè per sta maladetta trippa

Tuttu hè per sta maladetta trippa hè una puesia di Anton' Battisti Paoli (1858-1931) dettu Paoli di Tagliu. Hè stata publicata in a Barretta Misgia in u 1929.

Tuttu hè per sta maladetta trippaMudificà

Avà si ch'aghju zingatu
Tuttu in pienu lu vespaghju !
Sò già stancu è fatigatu,
Nun so più cum'è feraghju,
Quante visite signore !…
Ghjornu, notte à tutte l'ore.
Ti parlai d'un matrimoniu
Di due putenze Corse,
Di Miseria cun Bisognu ;
Prestu la nutizia corse
Pè lu monte è pè la piana
Da la fresca Tramuntana.
Or s'eo m'era statu zittu
Giacchì lu silenziu hè d'oru
Sempre in pedi, sempre rittu
Nun saria per mio martoru
À riceve questu è quellu
Ch'aghju biotu lu cerbellu.
Induvinu quale sia
Di sta ghjente la primura.
Ne scala da ogni via
È di tutta infurcatura,
Longhi, gialli, sfusulati,
Barbi zifferi è sbarbati.
Ci ne ghjunghje zampi corti,
Bocchi larghi è spalli stretti,
Ci ne ghjunghje grossi è forti
Vechjaconi è giovanetti,
Barbi neri è musculati
Ben disposti è preparati.
Per sapè la data esatta
Di la grossa scurpacciata,
Ma chì ghjente tonta è matta
Pe lu tondu pare nata !
À la fin', cosa cridete ?
Certe cose ùn sò secrete.
Voi per lettere d'invitu
Sareti tutti chjamati,
Ognunu sarà avvertitu,
Tutti bene rinsegnati
Di lu ghjornu, ùn dubitate,
Cari, nun vi strapazzate.
Cessate lu muvimentu,
Riturnate à lu travagliu,
Ognunu sarà cuntentu,
Nun si farà nisun' sbagliu ;
L'ordini aspettate, infine,
Una di ste trè matine.
In quaresima ùn si face
Festini di sta natura ;
Dunque riturnate in pace
Chì fate trista figura,
Siate ùn pocu riservati
Nun fate li scrianzati.
Pincu hè statu prevenutu
Per furnì lu bestiame
Perchè hà scrittu è cumbattutu
Per smercià moltu pullame,
È si pigliarà primura
Di fà ne la furnitura.
Matteolu hà già prumessu
Sacchi è balle di farina ;
Tuttu marchja cun prugressu,
Lu mumentu s'avvicina
Di fà focu à li tiani
È stinzà li nostri zani.
Natalellu s'è ingagiatu
Di furnì brocciu è furmagliu ;
Tuttu hè statu cummandatu
À l'ingrossu è à lu detagliu
Ind'è boni furniscitori
Per nun fà lu corri corri.
L'oliu per fà le fritelle
Venerà da Capi-Corsu ;
Appruntate le manselle
Ziu Bisognu hè un can' di morsu,
Corre, cerca, è hè omu di core,
Si sbroglia per fà si onore.
Li pastizzi variati,
Le carotte, o cari amici !
State allegri è spenserati,
Ghjunghjeranu da Parigi,
La cummanda hè digià fatta,
Longa, dettagliata, esatta.
Dunque arrutate li denti
Chì la roba hè ordinata,
State sani è ben' purtenti,
La cucina hè ben' muntata ;
À l' avisu siate pronti,
È femu ch'ella si conti.