Differenze tra le versioni di "Minotauru"

m (Fix)
 
Minossu feci rinchjuda u Minotauru in u Labirintu di Cnossu custruitu da Dedalu. Quandu Androgeu, figliu di Minossu, murì uccisu da uni pochi d'atinesi infuriati parchì avia vintu troppu à i so ghjochi disunurendu li, Minossu dicisi, par vindicà si ch'è a cità di Atena, sottumissa tandu à Creta, divia invià ogni novi anni setti ziteddi masci è setti ziteddi femini da offra in pastu à u Minotauru, chì si cibava di carri umana. Tandu Teseiu, eroi è figliu di u rè atinesi Egeu, si uffrì di fà parti di i ghjovani par scunfighja u Minotauru. Arianna, figlia di Minossu è Pasifae, si innamurò di eddu.
 
À a piccula intrata di u labirintu, Arianna deti à Teseiu u celebru "filu d'Arianna", un ghjummeddu (di filu rossu, rializatu da Dedalu) chì l'avaristi parmissu di ùn perda si una volta intrutu drentu. Quandu Teseiu ghjunsi innanzi à u Minotauru, l'affruntò è l'uccisi incù a spada (sicondu altri, attesi ch'eddu si addurmintessi è po u pugnalò, mentri altri virsioni rapportani com'è a peddi di u Minotauru era invulnerabili, mentri u corru di u Minotauru parfuressi ogni armatura, quindi Teseiu usò a so spada par staccà un [[corru]] di u Minotauru è incù quistu u trapassò).
 
Isciutu da u labirintu, Teseiu salpò incù Arianna à a volta di Atena, muntendu veli bianchi in segnu di vittoria. Più dopu, parò, abbandunò a zitedda durmenti annantu à l'isula diserta di Nassu. U mutivu di tali attu è contruversu. Si dici chì l’eroi si saria invaghitu di un'antra o chì si sintia in imbarazzu à vultà in a so patria incù a figlia di u numicu, oppuri chì vensi intimuritu da Dionisu chì, in sognu, l'intimò di lascià la quà, par dopu raghjunghja la ancora durmenti è fà ni a so sposa. Arianna, rimasta sola, iniziò à pienghja, finch'è apparischi à a so prisenza u diu Dionisu, chì par cunfurtà la li dunò una maravigliosa curona d'oru, opara di Efestu, chì fù dopu, à a so morti, mutata da u diu in una custiddazioni splindenti: a custiddazioni di a Curona.
 
Poseidonu, adiratu contr'è Teseiu, inviò una timpesta chì squarciò i veli bianchi di a navi, custringhjendu l'eroi atinesi à sustituiscia li incù quiddi neri (parò spessu in i varii virsioni a so matri Etra avia avutu un rapportu sissuali incù Poseidonu, quindi in quisti virsioni ancu Poseidonu saristi patri di Teseiu è parciò ùn l'avaristi mai ostaculatu); altri virsioni contani chì par via di l'eccitazioni di a vittoria eddu si sminticò di issà i veli bianchi, oppuri li fù annibbiata a mimoria da i dii com'è punizioni par avè abbandunatu à Arianna. Infatti à Teseiu, prima di parta, fù ricumandatu da u so patri Egeu di purtà dui gruppi di veli, è di muntà à u ritornu i veli bianchi in casu di vittoria, mentri, in casu di scunfitta, avaristi duvutu issà quiddi neri. Egeu, videndu à l'orizonti i veli neri, criditi chì u so figliu fussi statu divuratu da u Minotauru è si ghjittò addispiratu in mari, chì da u so nomu fù chjamatu dopu mari di Egeu, veni à dì Mar'Egeu.
Utente anonimo