Epigrafia: differenze trà e virsioni

m
nessun oggetto della modifica
m (Bot: Migrating 44 interwiki links, now provided by Wikidata on d:q181260 (translate me))
mNessun oggetto della modifica
 
Un'iscrizione antica si pò truvà:
-* incisa in un monumentu sempre arritu,
 
-* nantu una placca di marmore, di bronzu o altri ogetti sepelliti in terra.
- incisa in un monumentu sempre arritu,
 
- nantu una placca di marmore, di bronzu o altri ogetti sepelliti in terra.
 
Hè un arte dificile. Diprima ci vole à cunnosce a [[lingua]] di a scrizione ma, sopratuttu, l' ''epigrafista'' deve esse capace di leghje l'abrevazione è segni speziali aduprati da l' antichi. In epigrafia i litigamenti sò frequenti cagione chì u risultatu pò esse incertu.
Corpus Inscriptionum Latinarum I² 2,1, Nr. 9: ''Honc oino ploirome cosentiont R[omane] | duonoro optumo fuise viro | Luciom Scipione filios Barbati | consul censor aidilis hic fuet a(pud vos) | hec cepit Corsica Aleriaque urbe | dedet Tempestatibus aide mereto[d].'' Eccu a traduzione in lingua italiana: ''A Roma moltissimi riconoscono che lui solo è stato tra i buoni cittadini il migliore, Lucio Scipione. Figlio di Barbato, fu console, censore ed edile presso di voi. Prese la Corsica e la città di Aleria, consacrò alle Tempeste un tempio, a buon diritto.''
 
[[Category:Archeologia]]
[[Category:Archiulugia]]
[[Category:Scienza]]
83

contributi